Voi siete qui

Stage

Tirocinio curriculare anticipato per la PROFESSIONE FORENSE

Tirocinio curriculare anticipato per la PROFESSIONE FORENSE

Sulla base della normativa per l’ordinamento della professione di AVVOCATO, i primi 6 mesi (dei 18 necessari) di praticantato possono essere svolti in concomitanza con l’ultimo anno del corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza.

L’Università degli Studi di Milano, in virtù della Convenzione Stipulata con l’Ordine degli Avvocati di Milano, offre a partire dall’a.a.2016/2017 questa opportunità.

Il Consiglio dell’Ordine di Milano ha deliberato in data 9 febbraio 2017 la seguente precisazione “vista la convenzione con l’Università Statale si conferma che il periodo da prendere in considerazione non può essere inferiore a un semestre.
Si precisa che, in virtù dell’ accordo intercorso tra l’Ordine degli Avvocati di Milano e la Facoltà di legge dell’Università degli Studi di Milano, coloro che si laureano entro la prima sessione di laurea del V° anno di corso avranno comunque riconosciuto il periodo di tirocinio anticipato anche se inferiore ai sei mesi previsti dalla Convenzione, a condizione che tale periodo non sia inferiore a 4 mesi e 15 giorni".

STAGE

L’esperienza dello stage costituisce un’opportunità significativa per chi ha concluso, o sta per concludere, il proprio percorso di studio, in grado di favorire un contatto diretto con il mondo del lavoro e l’acquisizione degli elementi applicativi di una specifica attività professionale.
L’Università ha stipulato a tal fine numerose convenzioni con aziende e organizzazioni per regolare lo svolgimento di tali stage da parte degli studenti, eventualmente anche ai fini dell’elaborazione della tesi di laurea, nonché dei giovani laureati.

avviso importante

Come è noto, la Commissione per le pratiche sulle carriere degli studenti, in data 15 marzo 2016, ha adottato alcune linee guida per la formulazione dei pareri che è chiamata ad esprimere in merito all’attribuzione dei punti aggiuntivi al voto di laurea: tali linee guida prevedono, tra l’altro, che, «nel caso degli stage e dei tirocini svolti in Italia, saranno considerati congrui quelli con una durata minima di tre mesi se a tempo pieno e di sei mesi se a tempo parziale, attivati tramite il COSP e aventi attinenza con il percorso di studi.
Pertanto, gli stage attivati dopo il 15 marzo 2016 sono valutati, al fine dell’attribuzione del punto aggiuntivo, solo se attivati tramite il COSP.
Per quanto riguarda invece gli stage attivati, non per il tramite del COSP, prima del 15 marzo 2016, gli studenti che abbiano intenzione di richiedere l’attribuzione del punto aggiuntivo sono tenuti a farlo, allegando la relativa documentazione (comprovante la durata e l’impegno orario, la natura dell’attività svolta e la sua attinenza con il corso di studi), entro e non oltre la data del 15 gennaio 2017, indipendentemente dalla data o dall’anno di corso nel quale prevedono di discutere la tesi di laurea.
La decisione di individuare tale termine finale è stata adottata, dal Collegio didattico interdipartimentale sul proposta della Commissione, al fine di affrontare e risolvere una volta per tutte le numerose situazioni di incertezza riscontrate in merito alla valutazione di tali attività, spesso svolte parecchi anni addietro e per lo più attestate da semplici certificazioni del responsabile della struttura, delle quali, col decorso del tempo, può divenire sempre più problematico appurare l’attendibilità.

LINEE GUIDA PER I PARERI SULL’ATTRIBUZIONE DEI PUNTI AGGIUNTIVI SUL VOTO DI LAUREA

Linee guida formulate dalla Commissione per le pratiche sulle carriere degli studenti del 15 marzo 2016

LINEE GUIDA PER I PARERI SULL’ATTRIBUZIONE DEI PUNTI AGGIUNTIVI SUL VOTO DI LAUREA

(formulate dalla Commissione per le pratiche sulle carriere degli studenti il 15 marzo 2016, e aggiornate nella riunione del 22 marzo 2017)

Indicazioni per la compilazione delle richieste da parte degli studenti:
- le richieste di punti aggiuntivi sul voto di laurea, corredate dalla documentazione attestante le attività svolte dallo studente esternamente all’Università, vanno presentate all’ufficio della Segreteria didattica interdipartimentale di Giurisprudenza, in via Festa del Perdono 7/3;
- dalla richiesta e dalla documentazione allegata devono risultare con chiarezza il periodo di svolgimento, l’orario, il contenuto dettagliato e l’attinenza all’ambito giuridico delle attività documentate dallo studente.

Criteri di valutazione delle richieste:
Nel caso di cui all’art. 3, comma 4 lett. A) del regolamento degli esami di laurea magistrale a ciclo unico, e di cui all’art.  2, comma 3, lett. C), del regolamento degli esami di laurea triennale, l’ottenimento di un punto aggiuntivo per stage o tirocini determina automaticamente anche l’attribuzione di 3 CFU per attività pratiche;
- nel caso degli stage e dei tirocini svolti in Italia, saranno considerati congrui quelli con una durata minima di tre mesi se a tempo pieno e di sei mesi se a tempo parziale, attivati, obbligatoriamente, tramite il COSP o altro ente promotore abilitato ai sensi della normativa vigente, e aventi attinenza con il percorso di studi. Gli studi non accreditati possono farlo mediante il link  http://www.cosp.unimi.it/imprese/2448.htm;
- Tali requisiti (durata e attivazione tramite COSP o altro organismo abilitato) sono richiesti anche per tutte le diverse ipotesi di pratica professionale antecedente al conseguimento della laurea.
- i detti requisiti di durata potranno essere in parte derogati per gli stage svolti presso Tribunali o altre istituzioni analoghe, cui si accede con procedure selettive;
- i detti requisiti di durata potranno essere altresì in parte derogati nel caso di stage svolti all’estero, per i quali, in presenza di un adeguato impegno orario e di una particolare pregnanza dell’attività svolta, è richiesta una durata minima di 3 mesi;
- nel caso di frequenza di una summer school, è richiesta di norma una durata minima di due settimane; tale requisito di durata potrà essere derogato per summer school organizzate da o in collaborazione con UNIMI, su segnalazione del docente UNIMI di riferimento.
- l’avere ricoperto cariche negli organi accademici non dà luogo alla proposta di assegnare punti aggiuntivi;
- le esperienze professionali in ambito giuridico eventualmente valutabili ricadono nella fattispecie di cui alla lettera c) dell’art. 3, comma 4, del Regolamento degli esami di laurea magistrale: l’attività lavorativa sarà valutabile qualora comporti l’utilizzo in via continuativa e prevalente di competenze giuridiche e/o economiche, per una durata ritenuta adeguata dalla Commissione.

N.B. Per gli stage iniziati dopo la data del 15 aprile 2016 è indispensabile l’accreditamento del soggetto ospitante tramite COSP

 

Data di pubblicazione: 8 giugno 2017

Sistema per la gestione del PLACEMENT

ATTENZIONE
E' attivo un sistema operativo per il PLACEMENT con Almalaurea.
STUDENTI e LAUREATI possono accedere al nuovo sistema per la gestione del curriculum vitae e alla bacheca per gli annunci di lavoro.
Per accedere per la prima volta al nuovo sistema per attivare uno stage e consultare la bacheca tutti gli studenti e i laureati devono accedere ai servizi online e confermare la registrazione anche su  Almalaurea.
Le AZIENDE possono utilizzare un sistema integrato per ricerca di personale e gestione dei tirocini.

 

Tutti gli STUDENTI regolarmente iscritti a un Corso di Laurea di Giurisprudenza e tutti i LAUREATI da non più di dodici mesi possono attivare stage a fini di formazione e orientamento presso Aziende, Enti, Associazioni, Studi Professionali, Istituzioni.

Trovare uno stage
• È possibile candidarsi alle offerte di stage pubblicate all’interno della bacheca on-line gestita dal COSP
• È possibile individuare autonomamente un’opportunità di stage e rivolgersi al COSP per le pratiche di attivazione

Documenti e procedure
L’azienda/Ente ospitante richiede on-line la Convenzione con l’Ateneo e redige il progetto formativo di cui il tirocinante riceverà tre copie da consegnare al COSP

Docenti Tutor
L’attivazione dello stage deve essere autorizzata da un Docente Tutor attraverso l’approvazione on-line del progetto formativo.
L'approvazione può essere effettuata da uno dei Docenti incaricati per l’ambito di riferimento dello stage:

- Dott. Pizza (Dip. Pubblico), Diritto Pubblico e Internazionale
- Dott. Imberti e Dott. Maniaci (Dip. Privato), Diritto Privato, Diritto del Lavoro, Diritto commerciale
- Dott. Bianchetti, Prof.ssa Arnaboldi, Dott. Toscano e Dott. Perri (Dip. Beccaria), Scienze Penalistiche ed Economiche, Diritto Ecclesiastico e Informatica giuridica

CFU
Previa autorizzazione del Docente referente, lo stage può dare luogo all’acquisizione di CFU.
Per uno stage della durata di tre mesi, è previsto il riconoscimento di tre CFU. A tale fine è necessario che il Tutor Accademico visioni le valutazioni finali compilate on-line al termine dello stage e firmi l’apposito modulo “richiesta CFU, che il tirocinante consegnerà poi alla Segreteria Didattica Interdipartimentale di Giurisprudenza (via Festa del Perdono 7).