Voi siete qui

  • Home
  • Organizzazione

Organizzazione

PRESENTAZIONE DELLA FACOLTA'

La Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Milano ha celebrato nel 2014 i suoi 90 anni di attività. I tre Dipartimenti, nell’ambito dei quali la Facoltà è costituita, hanno sede nel pieno centro della città, a pochi passi dal Duomo e dal Palazzo di Giustizia, nello storico e monumentale edificio della Ca’ Granda, l’antico Ospedale voluto nel 1456 da Francesco Sforza e da sua moglie Bianca Maria Visconti per celebrare la conquista del Ducato milanese.

La Facoltà giuridica, istituita nel 1924, si distingue fin dalle origini, nel panorama nazionale e internazionale, per l’elevato prestigio dei suoi docenti. Vi hanno infatti insegnato alcuni tra i più grandi maestri del diritto, tra i quali Angelo Sraffa (diritto commerciale), Oreste Ranelletti (diritto amministrativo), Giovanni Pacchioni (diritto civile), Emilio Betti (istituzioni di diritto romano), Enrico Besta (storia del diritto italiano), Santi Romano (diritto costituzionale), e in seguito, tra gli altri, Roberto Ago (diritto internazionale), Francesco Carnelutti (diritto processuale civile), Giacomo Delitala e Pietro Nuvolone (diritto penale), Cesare Grassetti (diritto civile), Enrico Tullio Liebman (diritto processuale civile), Cesare Magni (diritto ecclesiastico), Giandomenico Pisapia (procedura penale), Giovanni Pugliese (istituzioni di diritto romano), Mario Rotondi (diritto privato), Uberto Scarpelli (filosofia del diritto) e Renato Treves (filosofia del diritto e sociologia del diritto).

Ancora oggi la Facoltà – che può contare su un corpo docente di circa 90 professori e 70 ricercatori – è una tra le più autorevoli e prestigiose in Italia, anche e in particolare per l’elevato livello della ricerca scientifica: la Facoltà si è infatti collocata tra le prime in Italia all’esito della VQR 2004-2010 (Valutazione della Qualità della Ricerca), con punte di eccellenza in alcuni tra i settori scientifico-disciplinari che più caratterizzano la formazione del giurista. Il prestigio internazionale della Facoltà le ha d’altra parte consentito di essere l’unica tra le facoltà di giurisprudenza italiane a far parte della LERU (League of European Research Universities: http://www.leru.org/ ), un’autorevole associazione che unisce ventuno tra le più rinomate università europee.

Nell’ottica della valorizzazione della propria dimensione internazionale, la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Milano, nell’ambito del programma Erasmus +, offre ai propri studenti la possibilità di effettuare periodi di scambio all’estero in ben 45 Università straniere differenti. Ulteriori accordi internazionali di scambio sono stati recentemente conclusi con la Cornell University (Ithaca NY, USA), l’Universidade Federal Fluminense (Niteroi, Brasile), l’Università di Xiamen (China), la East China University of Political Science and Law (Shanghai, China), la Ewha Womans University School of Law (Seul, Republic of Corea), la Kobe University (Kobe, Giappone), la University of Notre Dame du Lac (Indiana, USA), l’Universidad de Buenos Aires (Argentina), l’Universität Luzern (Svizzera), l’Université de Fribourg (Svizzera) e il Ghana Institute of Management and Public Administration (Accra, Ghana). La Facoltà inoltre offre ai propri studenti la possibilità di partecipare a numerose attività formative all’estero, tra cui summer schools (corsi estivi di approfondimento su tematiche giuridiche), moot courts (simulazioni di processi) e, nell’ambito del programma Erasmus Placement, lo svolgimento di tirocini presso importanti studi legali e istituzioni internazionali. Infine, la Facoltà ha istituto un double degree program (corso di laurea riconosciuto in due Paesi) assieme all’Université de Toulouse (Francia). Gli studenti della Facoltà possono inoltre scegliere di frequentare i ventuno insegnamenti impartiti in lingua inglese. A partire dall’anno accademico 2015-2016 è stato inoltre istituito un corso di laurea magistrale interamente in inglese in Sustainable Development (sviluppo sostenibile: http://www.llmsd.unimi.it/ ).