Voi siete qui

Erasmus

Lifelong Learning Program (LLP/Erasmus)

indice paragrafi

Bando per Università di Friburgo

Candidatura per l’Università di Friburgo 2014/2015

Si comunica che la Svizzera ci ha informato che, nonostante non partecipi al Programma Erasmus + per l’anno accademico 2014-2015, accetterà con propri finanziamenti gli studenti rientranti negli accordi interistituzionali già stipulati con l’Università di Milano, fra i quali rientra quello con l’Università di Friburgo.
Vi invitiamo pertanto a prendere visione del bando disponibile all’indirizzo http://www.unimi.it/ateneo/formint/1682.htm e, qualora interessati, a voler presentare candidatura secondo le modalità indicate.
Precisiamo che l’Università di Milano si limiterà a comunicare a Friburgo i nominativi dei prescelti. Per l’organizzazione del soggiorno e per le modalità di erogazione del contributo gli studenti prescelti dovranno contattare direttamente l’Università svizzera http://www.unimi.it/studenti/erasmus/70835.htm.
Per eventuali chiarimenti gli studenti interessati sono invitati a rivolgersi all’Ufficio Accordi e relazioni internazionali.

Ufficio Accordi e relazioni internazionali
Via Festa del Perdono, 7 – 20122 Milano
Tel 02 5031 – 3501/3495/2589
Email mobility.out@unimi.it

Le Università straniere

La Facoltà offre, agli studenti in corso, a partire dal secondo semestre del primo anno, e agli studenti del primo anno fuori corso, la possibilità di trascorrere un soggiorno di studio all’estero nel quadro del Programma LLP/Erasmus.

Le Università di destinazione, con la durata del relativo soggiorno, sono le seguenti:

Riconoscimento di esami e crediti

Il riconoscimento degli esami eventualmente sostenuti all’estero è regolato dalle seguenti disposizioni:

a) gli insegnamenti obbligatori di diritto positivo italiano, di diritto internazionale e di storia del diritto medievale e moderno devono essere sostenuti presso la Facoltà milanese;

b) è consentito, per soggiorni all’estero limitati a una parte dell’anno accademico, il riconoscimento di tre sole annualità;

c) gli esami sostenuti all’estero in materie equipollenti all’insegnamento fondamentale di Diritto dell'Unione europea possono essere riconosciuti previo assenso dei titolari dell’insegnamento (prof. Bruno Nascimbene, prof. Massimo Condinanzi), ai quali saranno sottoposti i relativi programmi analitici;

d) analoghe disposizioni valgono per gli altri insegnamenti, obbligatori e non obbligatori, per i quali è possibile ottenere il riconoscimento previo assenso dei rispettivi titolari;

e) per gli studenti dei corsi di laurea in Giurisprudenza gli esami riconosciuti sono inseriti, su richiesta dello studente, nel piano degli studi e conteggiati nelle annualità richieste per l’ammissione all’esame di laurea. I crediti ECTS e le votazioni ottenute presso le Facoltà partner vengono convertite in trentesimi secondo la seguente tabella:

F = <18/30 (corrispondente a votazione inferiore a 18/30)

E = 19/30

D = 22/30

C = 25/30

B = 28/30

A = 30/30

Agli studenti i quali, avendo fruito di un soggiorno di studio nel quadro del programma LLP/Erasmus, certifichino di aver superato un ulteriore esame in lingua straniera presso la Facoltà partner sono riconosciuti tre crediti. Agli studenti il cui corso di laurea prevede crediti per attività pratiche, qualora essi dimostrino con opportuna dichiarazione della Facoltà straniera di aver superato un altro esame relativo a insegnamento ivi impartito, saranno riconosciuti i crediti previsti. Tali crediti si possono cumulare con quelli derivanti dalle equipollenze concesse dalla Facoltà, fino a un massimo di trenta crediti per un intero semestre di studio trascorso presso l’Università partner.

Erasmus Placement

La Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Milano partecipa al Programma Erasmus, non solo nella tipica forma di mobilità per studio anche nella forma mobilità per placement che offre agli studenti l’opportunità di effettuare all’estero presso imprese, centri di ricerca e formazione, o organizzazioni di altro tipo, uno Student Placement ovvero un tirocinio formativo.
Per il periodo di tirocinio lo studente riceve un contributo finanziario (borsa di studio) e il riconoscimento, in termini di crediti formativi, delle attività svolte nel corso del tirocinio e portate a termine con successo. I tirocini all’estero possono avere una durata compresa tra un minimo di 3 e un massimo di 12 mesi, fermo restando che di norma la loro durata non supera i sei mesi.
Possono presentare domanda di partecipazione gli studenti iscritti almeno al terzo anno dei corsi di laurea triennale in Scienze dei servizi giuridici e in Scienze giuridiche, al corso di laurea magistrale in Giurisprudenza e al corso di laurea magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza, a un master, un dottorato di ricerca o a una scuola di specializzazione, a seconda delle condizioni stabilite nei diversi accordi con gli organismi ospitanti.
Le modalità di partecipazione ai programmi di mobilità per placement e gli organismi stranieri presso cui tali programmi possono essere svolti sono indicate in bandi specifici di Facoltà.
Il bando generale d’Ateneo Erasmus Placement per l’a.a. 2013-2014 e i singoli bandi di Facoltà saranno pubblicati sul sito dell’Università: www.unimi.it/studenti/26987.htm e www.giurisprudenza.unimi.it.
Per informazioni rivolgersi al Delegato Erasmus Placement di Facoltà, prof.ssa Barbara Randazzo (barbara.randazzo@unimi.it)

Double degree

La Facoltà di Giurisprudenza ha concluso un accordo con l’Université de Toulouse (Francia) che consente ai migliori studenti che hanno una conoscenza approfondita della lingua francese di frequentare il biennio conclusivo della laurea magistrale in giurisprudenza presso l’Università francese e di acquisire in tal modo (tramite il riconoscimento reciproco degli esami da parte dell’Università di Milano e dell’Université de Toulouse) sia la laurea francese che quella italiana.
Per informazioni rivolgersi al Delegato di Facoltà per gli Accordi internazionali, prof. ssa Maria Teresa Carinci (mariateresa.carinci@unimi.it)

Summer schools in China (Pechino)

La cattedra di diritto del commercio internazionale ha avviato a partire dal 2006 collaborazioni con varie Università cinesi, finalizzate alla realizzazione di programmi di studio estivi per gli studenti della Facoltà di giurisprudenza, di altre facoltà dell’Università degli Studi di Milano e di altri Atenei italiani. L’ultima edizione, del 2012, ha visto la partecipazione di 85 studenti divisi sui due periodi di luglio e agosto.
Ogni anno, tra ottobre e aprile, viene pubblicato sul sito del Dipartimento e della Facoltà il bando relativo alle summer school in Cina, con i relativi programmi per l’anno in corso; ad esso occorre far riferimento per le scadenze relative alla presentazione delle candidature.
L’obiettivo di queste summer schools consiste nell’offrire ai nostri studenti la possibilità di approfondire varie tematiche d’attualità del diritto del commercio internazionale, analizzato anche secondo la prospettiva cinese, in un’ottica prettamente multiculturale, mettendo a contatto docenti e studenti di diverse culture giuridiche.

L’edizione 2013 della Summer School – Executive Education Training Program sui temi dei cambiamenti climatici e della proprietà intellettuale, coordinata dalla cattedra di Diritto del Commercio Internazionale all’interno del Dipartimento di Diritto Pubblico, Italiano e Sovranazionale della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Milano, dalla cattedra di Diritto Cinese all’interno del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Torino, e dalla Edge Hill University, Faculty of Arts and Sciences, Department of Law & Criminology, avrà luogo presso la Peking University School of Government di Pechino per quattro settimane dal 6 luglio al 3 agosto 2013 e dal 20 luglio al 17 agosto 2013.
La Summer School si rivolge a studenti e laureati di giurisprudenza, scienze politiche, economia, lingue, filosofia, scienze ambientali e ingegneria.  Vi possono partecipare anche praticanti avvocati e professionisti.
Il programma completo prevede due curricula: il primo, intitolato “Summer Institute on Climate Change and Environmental Protection” (SICCEP), sui temi del cambiamento climatico, delle politiche energetiche, del diritto ambientale e dello sviluppo sostenibile, della proprietà intellettuale e innovazione tecnologica, avrà luogo dal 6 luglio al 3 agosto e in replica dal 3 al 17 agosto. Il secondo curriculum, intitolato “Summer Institute on Intellectual Property Rights and China” (IP-China), sul tema della proprietà intellettuale e trasferimento tecnologico, avrà invece luogo dal 6 luglio al 3 agosto.
Gli iscritti che parteciperanno ai corsi e ai seminari previsti otterranno un certificato per ciascun curriculum; gli avvocati e i praticanti avvocati abilitati potranno richiedere il riconoscimento di 24 crediti al Consiglio Nazionale Forense, che ha approvato la Summer School come attività formativa.
La Summer School è organizzata in partnership con Lund University Faculty of Political Sciences in Svezia, University of Provence Aix Marseille I – CNRS Centre of Comparative Epistemology and Ergology in Francia. Dall’edizione 2011 altri due istituti universitari si sono aggiunti come partners del programma: la Facoltà di Economia dell’Università del Piemonte Orientale e la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Pavia. Dall’edizione 2012 sono entrate a far parte dei partners anche la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università Cattolica di Milano, la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università dell’Insubria e la Universidad Carlos III di Madrid.
Il programma prevede la trattazione delle seguenti materie:
1) Introduction to Chinese Law, Institutions & Politics (20h) SICCEP and IP-CHINA
2) Global Environmental Governance (14h) SICCEP
3) Environment, Science and Society: a Philosophical Introduction (14h) SICCEP
4) Law, Policy and Economics on Climate Change (14h) SICCEP
5) Introduction to Chinese Intellectual Property Law and Technology Transfer (20h) IP-CHINA
6) European American and Chinese Approaches to Intellectual Property Rights and Competition Policy (20h) IP-CHINA
7) Governance of Energy Transitions: Towards Low-Carbon, Sustainable Society (14h) SICCEP

Sono previsti inoltre seminari in materia di IP law e Competition Policy Law, incontri e tavole rotonde con esperti europei e cinesi sui temi della proprietà intellettuale, commercio internazionale, ambiente, cambiamento climatico e sviluppo sostenibile. La partecipazione a questi incontri fa sì che ciascun curriculum sia formato da almeno 60 ore (per un totale di 120 ore per entrambi i curricula)
I partecipanti delle edizioni del 2011 e 2012 provenivano da Italia, Spagna, Cina, Canada, Costa d’Avorio, Etiopia, Nigeria, Liberia, Botswana, Uganda, Rwanda, Pakistan, Comores, Togo, Central African Republic, Mali, Sri Lanka.
Per informazioni si prega di contattare via email la dott.ssa Angelica Bonfanti (angelica.bonfanti@unimi.it) o l’indirizzo summerlawinstitutesuzhou@unimi.it.

Progetto Stage collegati alle Summer School in Cina – Internship programs

I partecipanti alle Summer School in Cina hanno avuto l’opportunità di ottenere stage mirati a conclusione della loro esperienza di studio, per esempio, presso la Camera di Commercio di Milano usufruendo di borse di studio della Camera di Commercio di Milano e finanziamenti speciali del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, Studio Legale Orrick di Milano; lo Studio Legale Nunziante Magrone. Nel corso degli anni sono stati siglati accordi (formalizzati presso l’Ufficio Accordi e relazioni internazionali e presso il COSP di UNIMI) con la Camera di Commercio Italiana in Cina, con l’Istituto Italiano di cultura a Pechino, con il Fair Trade Advocacy Office (FTAO) di Bruxelles, AXA-MPS di Dublino, per permettere agli studenti della Facoltà di Giurisprudenza e, in particolare, agli studenti partecipanti alla summer school a conclusione del percorso di studi di svolgere periodi di stage in Cina e in Europa. Per gli stage che si svolgono in Europa con l’ausilio dell’Ufficio Accordi e relazioni internazionali sono state assegnate anche Borse “Erasmus Placement”.
Per l’edizione 2013, come per le precedenti, gli organizzatori prevedono eventi di formazione e training.
Tutti i partecipanti della Summer School in Cina, a partire dall’edizione del 2006,  entrano a far parte di un network (Alumni) e sono tenuti informati su possibilità di internships e lavoro.
Per informazioni si prega di contattare il dott. Paolo Farah: (summerlawinstitutesuzhou@unimi.it).

Rapporti con le organizzazioni internazionali e programma stages

La Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Milano ritiene parte integrante di un insegnamento universitario moderno, dinamico e di eccellenza, da un lato, un confronto costante e di reciproco scambio con la realtà lavorativa ai più alti livelli, nonché, dall’altro, una proiezione internazionale che consenta l’interazione del proprio personale docente e discente con enti e organizzazioni, non solo scientifiche, di altri paesi e di altri ordinamenti.
A tal fine favorisce una serie di iniziative miranti a instaurare e sviluppare il collegamento con Organizzazioni e Istituzioni Internazionali attive nei settori di interesse del Dipartimento stesso. Tra queste figurano la UE (Bruxelles), l’ICC (Parigi), l’UNCITRAL (Vienna), l’IOM (Ginevra), l’UNODC (Vienna e uffici regionali) l’UNHCR (Ginevra e uffici regionali, come Parigi), la Camera Nazionale e Internazionale di Milano, l’UNICRI (Torino), lo YEM (Tirana), l’OSCE (Vienna), solo per citarne alcune.
Scopo precipuo di tali iniziative è assicurare un coinvolgimento a vario titolo (i.e. in qualità di osservatori, speakers, rapporteurs, consulenti) del proprio personale docente nelle attività e nei progetti di ricerca, studio e sviluppo coordinati da tali Organizzazioni e Istituzioni; favorire la creazione di gruppi di lavoro a composizione mista (personale docente, dottorandi, laureandi), al fine di formulare e sottoporre agli organismi competenti proposte di progetti, osservazioni, petizioni; diffondere all’interno dell’Università la conoscenza dell’attività delle suddette Organizzazioni, mediante altresì l’invito di funzionari delle stesse e l’organizzazione di seminari, dibattiti, conferenze.  
Sempre in tale prospettiva la Facoltà organizza per gli studenti più meritevoli programmi di stages e internships di durata variabile presso tali Organizzazioni, consolidando quelli già attivati negli anni scorsi. Lo scopo è consentire a tali studenti di conoscere dall’interno la realtà e l’attività di tali Organizzazioni, venendo coinvolti nei progetti da queste coordinati, acquisendo competenze utili in vista di una possibile futura carriera internazionale. 

Per informazioni si prega contattare il dott. Albert Henke (albert.henke@unimi.it).

Willem C. Vis International Commercial Arbitration Moot

La Facoltà sponsorizza l’iniziativa denominata “Willem C. Vis International Commercial Arbitration Moot” (http://www.cisg.law.pace.edu/vis.html). Si tratta della più prestigiosa competizione giuridica tra studenti di quasi 300 Università di tutto il mondo in materia di diritto dell’arbitrato e del commercio internazionale, giunta ormai alla sua sedicesima edizione. La competizione consiste in un processo arbitrale simulato, in cui le squadre di ogni Ateneo si sfidano, nel ruolo di avvocati, discutendo il caso loro assegnato davanti a collegi arbitrali formati dai più noti e insigni accademici e professionisti del settore. La competizione inizia ogni anno con la pubblicazione on-line, in ottobre, del caso giuridico (unico per tutte le squadre partecipanti) e prevede la redazione, entro il mese di dicembre, di un memorandum per il Claimant e, entro fine gennaio, di un memorandum per il Respondent.
Entrambi i memoranda sono redatti in inglese. Le udienze orali vere e proprie in inglese, in cui ogni squadra deve sostenere sia la posizione dell’attore che quella del convenuto davanti a panels di arbitri professionisti, si svolgono a Vienna durante la settimana prima di Pasqua, dove confluiscono, tra studenti, professori, partners di studi legali, membri di istituzioni internazionali, più di 4.000 persone da tutto il mondo.
In preparazione della fase finale a Vienna sono previste, nel periodo febbraio-marzo, simulazioni preparatorie con squadre italiane e straniere (pre-moots), della durata di alcuni giorni, in alcune fra le maggiori città europee. Durante la competizione a Vienna vi sono molte conferenze, workshops, seminari con speakers da tutto il mondo, nonché eventi mondani. La partecipazione alla competizione, può rappresentare titolo preferenziale nella valutazione delle candidature per stages presso organizzazioni internazionali sponsorizzati dalla Facoltà nonché per periodi di studio all’estero.
Le selezioni avvengono ogni anno nel periodo febbraio - aprile. Per informazioni si prega contattare il dott. Albert Henke (albert.henke@unimi.it).

Summer School on International Arbitration and Mediation

Il Dipartimento di Diritto pubblico italiano e sovranazionale dell’Università degli Studi di Milano organizza tutti gli anni una Summer School on International Arbitration and Mediation, della durata di circa due settimane, nel periodo fine agosto – inizio settembre, che ha luogo a Palazzo Feltrinelli (http://www.palazzofeltrinelli.it), nella meravigliosa cornice paesaggistica di Gargnano (Brescia) sul lago di Garda (http://www.lagodigardamagazine.com/foto-aeree-gargnano-lago-garda.aspx).
L’iniziativa è rivolta a circa 20 studenti per ciascun modulo (arbitrato e mediazione), laureandi o laureati e/o professionisti (italiani e stranieri), che intendano avvicinarsi per la prima volta o approfondire la loro conoscenza del mondo delle ADR, anche in vista di una possibile carriera nel settore dell’international dispute resolution.
La Summer School (strutturata in due moduli, rispettivamente sull’arbitrato internazionale e sulla mediazione) è caratterizzata da lezioni teoriche e pratiche, nonchè da seminari e workshops interattivi, comprendenti altresì corsi di legal advocacy, tenuti integralmente in inglese. I docenti sono accademici di fama internazionale, membri di importanti istituzioni arbitrali e professionisti con notevole esperienza nel settore della risoluzione delle controversie, domestiche e internazionali.
I candidati devono proporre domanda, mediante invio di un’application form e del proprio CV, entro il termine indicato dal relativo bando, all’indirizzo summerschoolmedarb@unimi.it.
Tutte le informazioni relative al programma, ai docenti, ai costi e agli aspetti organizzativi sono reperibili al seguente link: http://mni.ariel.ctu.unimi.it.

Per ogni tipo di informazioni si prega contattare:
Dr. Albert Henke (coordinatore programma sull’International Arbitration) - albert.henke@unimi.it
Dr. Luigi Cominelli (coordinatore programma sulla Mediation) – luigi.cominelli@unimi.it

ICC International Commercial Mediation Competition (Parigi)

La Facoltà di Giurisprudenza supporta ogni anno la partecipazione di una squadra di studenti alla Commercial Mediation Competition, la maggiore competizione internazionale di mediazione organizzata annualmente dall’ICC International Court of Arbitration di Parigi (http://www.iccwbo.org/court/adr/). La competizione, dopo alcuni mesi preparatori svolti autonomamente da ciascuna squadra, ha luogo a Parigi ai primi di febbraio. Durante i primi tre giorni di preliminary rounds, ogni squadra partecipa a diversi procedimenti simulati di mediazione, facendo applicazione delle ICC’s Amicable Dispute Resolution Rules (ADR Rules). I casi sono redatti da un Drafting Committee di esperti in mediazione internazionale. Le squadre (composte al massimo da quattro studenti) si dividono in requesting party e responding party, e i membri di ciascun team assumono il ruolo di avvocato e cliente dinanzi ad un mediatore professionista e a due valutatori. Le migliori sedici università vengono poi selezionate per competere nella fase finale a eliminazione diretta. Il primo premio viene deliberato ogni anno dal Comitato organizzatore, e in genere prevede l’offerta di internship presso il Dispute Resolution Department dell’ICC di Parigi o presso gli studi legali internazionali che sponsorizzano l’evento.
Durante la competizione a Parigi si tengono workshops e seminari con speakers da tutto il mondo, nonché eventi mondani. Le ultime edizioni della competizione hanno visto la partecipazione di oltre 60 università e più di 300 iscritti tra studenti e professionisti, provenienti da oltre 40 paesi. 
La partecipazione alla competizione può rappresentare titolo preferenziale nella valutazione delle candidature per stages presso organizzazioni internazionali sponsorizzati dal Dipartimento nonché per periodi di studio all’estero.
Le selezioni avvengono ogni anno nel periodo giugno-luglio.
Per informazioni si prega contattare il dott. Luigi Cominelli (luigi.cominelli@unimi.it).

Summer School on Transnational Disputes Resolution – Milan / Lisbon

La Facoltà di Giurisprudenza organizza una Summer School on Transnational Dispute Resolution (Litigation, Arbitration and Mediation), della durata di circa due settimane, nel periodo fine agosto – inizio settembre, in partenariato con l’Università di Lisbona. La summer school si articola in tre moduli (mediation, arbitration and transnational litigation) e si svolge per una prima parte, a Palazzo Feltrinelli (http://www.palazzofeltrinelli.it), nella meravigliosa cornice paesaggistica di Gargnano (Brescia) sul lago di Garda (http://www.lagodigardamagazine.com/foto-aeree-gargnano-lago-garda.aspx) e, per una seconda parte, a Lisbona.
L’iniziativa è rivolta a circa 20 studenti per ciascun modulo, laureandi o laureati e/o professionisti (italiani e stranieri), che intendano avvicinarsi per la prima volta o approfondire la loro conoscenza del mondo del contenzioso transnazionale e delle ADR, anche in vista di una possibile carriera nel settore dell’international dispute resolution.
La Summer School è caratterizzata da lezioni teoriche e pratiche, nonchè da seminari e workshops interattivi, che comprendono altresì corsi di legal advocacy, tenuti integralmente in inglese. I docenti sono accademici di fama internazionale, membri di importanti istituzioni arbitrali e professionisti con notevole esperienza nel settore della risoluzione delle controversie domestiche e internazionali.
I candidati devono proporre domanda, mediante invio di un’application form e del proprio CV all’indirizzo summerschoolmedarb@unimi.it, entro il termine indicato dal bando che verrà pubblicato nel periodo maggio-giugno.
Tutte le informazioni relative al programma, ai docenti, ai costi e agli aspetti organizzativi sono reperibili al seguente link: http://mni.ariel.ctu.unimi.it. Per ogni tipo di informazioni si prega contattare: dott. Albert Henke (coordinatore programma Transnational Litigation e International Arbitration, albert.henke@unimi.it), dott. Luigi Cominelli (coordinatore programma Mediation, luigi.cominelli@unimi.it)

Informazioni

Ufficio Accordi e relazioni internazionali (mobility.out@unimi.it
Indirizzo: via Festa del Perdono, 7

Delegato di Facoltà: prof.ssa Iole Fargnoli 
Dipartimento di Diritto privato e Storia del diritto - Sezione di Diritto romano
E-mail: iole.fargnoli@unimi.it