Cerca insegnamenti o docenti



Voi siete qui

Integrazioni di programma - passaggi interni da Scienze dei servizi giuridici a Giurisprudenza a ciclo unico

programmi dei corsi da integrare

Diritto canonico (A-L/M-Z) (9 cfu)

- Per gli studenti iscritti al terzo anno negli a.a. 2011-2012, 2012-2013, 2013-2014, 2014-2015 dal seguente manuale D. Atighetchi, D. Milani, Intorno alla vita che nasce. Diritto ebraico, canonico e islamico a confronto, Estratto, Giappichelli, Torino, 2016, limitatamente alla Parte II (pp. 15-102) e alla Parte III (pp. 105-208).
- Per gli studenti iscritti al terzo anno nell'a.a. 2016-2017 dalla seconda parte del manuale E. Vitali, S. Berlingò, Il matrimonio canonico, Giuffrè, Milano, 2017 corrispondente alle pp. 147-227.
- Per gli studenti iscritti al terzo anno nell'a.a. 2015-2016, 2017-2018, 2018-2019 dalla prima parte del manuale E. Vitali, S. Berlingò, Il matrimonio canonico, Giuffrè, Milano, 2017 corrispondente alle pp. 3-145.

Diritto costituzionale (A-C/D-L/M-Q/R-Z) (13 CFU)

Integrazione su "Il processo costituzionale e i diritti fondamentali" da concordare con il docente della propria cattedra.

Diritto dell'Unione europea (A-D/E-N/O-Z) (9 cfu)

Corso di Istituzioni di diritto internazionale e istituzioni di diritto dell’Unione europea presso SSG: esame da 12 CFU complessivi
Per ottenere il riconoscimento dell'esame come diritto dell'Unione europea corso base della laurea magistrale, lo studente dovrà sostenere una prova integrativa con il docente della cattedra determinata secondo le lettere A-D, E-N, O-Z avente ad oggetto le parti del programma  relative al diritto dell'Unione europea parte speciale che, come da guida dello studente, sono così indicate: II. Parte speciale. Profili di diritto materiale. La cittadinanza dell’Unione e la libera circolazione delle persone, il diritto di stabilimento e la libera prestazione di servizi. La libera circolazione delle merci e dei capitali. La disciplina della concorrenza. Aiuti di Stato alle imprese.

Diritto ecclesiastico (A-L/M-Z) (9 cfu)

Nozioni di Diritto ecclesiastico, a cura di Giuseppe Casuscelli, V edizione (2015), capp. 21 e seguenti (pp. 349-480).

Diritto internazionale (A-D/E-N/O-Z) (9 cfu)

1. Corso di Istituzioni di diritto internazionale e istituzioni di diritto dell’Unione europea presso SSG: esame da 12 CFU complessivi assieme a diritto dell’Unione europea
Per ottenere il riconoscimento dell'esame come diritto internazionale corso base della laurea magistrale, lo studente dovrà sostenere una prova integrativa con il docente della cattedra determinata secondo le solite lettere (A-D, E-N, O-Z) avente per oggetto le parti del programma di quel docente relative al diritto internazionale privato e processuale.
2. Corso di Diritto internazionale dei contratti e dell’impresa presso SSG (6 CFU) + Corso di istituzioni di diritto internazionale e istituzioni di diritto dell’Unione europea (12 crediti): 18 CFU complessivi
Riconoscimento integrale e automatico per la laurea magistrale come diritto internazionale (9 CFU) e prova integrativa da 3 CFU o 6 CFU per Diritto internazionale privato e processuale. La prova integrativa da 3 crediti avrà per oggetto le parti del programma del corso di diritto internazionale privato e processuale dedicate a famiglia e successioni. L’integrazione da 6 CFU avrà per oggetto, oltre a quanto precede, anche una parte dedicata all’arbitrato commerciale internazionale, su testi da concordare con i docenti.

Diritto penale (A-D/E-N/O-Z) (15 cfu)

Integrazione d’esame richiesta agli studenti provenienti dal corso di laurea in Scienze dei servizi giuridici di vecchio ordinamento
Sono oggetto dell’integrazione dell’esame di diritto penale, alcune letture scelte tra argomenti di particolare interesse ed attualità.
In particolare, in relazione al tema della colpa nell’attività medica: C. Cupelli, La nuova disciplina della colpa medica, in Il libro dell’anno del Diritto 2017, Treccani;
- C. Cupelli, Cronaca di un contrasto annunciato: la legge Gelli Bianco alle Sezioni unite, in Dir. pen. cont. 21/11/2017;
In relazione al tema della giustizia riparativa: F. Palazzo, Sanzione e riparazione all’interno dell’ordinamento giuridicio italiano, in Scritti in onore di M. Ronco, 2017;
- La giustizia riparativa. Problemi definitori, tipologia e caratteristiche dei programmi di giustizia riparativa, Allegato 3 del tavolo 3 degli Stati generali dell’esecuzione penale, 2016.
In relazione al tema della prevenzione ante delictum: F. Basile, Brevi considerazioni introduttive sulle misure di prevenzione;
- V. Maiello, Profili sostanziali: le misure di prevenzione personali;
- F. Menditto, Le misure di prevenzione patrimoniali: profili generali.
Si intende che tali letture costituiscono un approfondimento di argomenti già studiati nel programma di diritto penale. A questo fine, lo studente dovrà ripassare le parti del Manuale di diritto penale, G.Marinucci, E. Dolcini, relative: alla colpa (cap. 8, par. 4); alla giustizia riparativa (cap. 9, par. 7); alla prevenzione ante delictum (cap. 14, sez. D).
Sul sito Arie del corso è possibile reperire la dispensa.

Integrazione d’esame richiesta agli studenti provenienti dal corso di laurea in Scienze dei servizi giuridici di nuovo ordinamento
Sono oggetto dell’integrazione le parti del Manuale di Diritto penale Marinucci-Dolcini, ed. VI, di seguito elencate:
- del capitolo 3 (I limiti all’applicabilità della legge penale) la sezione B (limiti spaziali), la sezione C  (limiti personali), la sezione D (un sistema penale sovranazionale);
- del capitolo 7 (L’antigiuridicità e le cause di giustificazione):  le singole cause di giustificazione che non erano oggetto del programma dell’esame di scienze dei servizi. Quindi, i paragrafi:  3, 4, 5, 6, 8 (consenso dell’avente diritto, esercizio di un diritto, adempimento di un dovere e uso legittimo delle armi). E’ evidente peraltro che lo studio delle singole cause di giustificazione presuppone necessariamente la conoscenza della disciplina comune delle stesse (di cui al par. 1 del presente capitolo), che lo studente quindi è invitato a ripassare.
- l’intero capitolo 11 (Concorso apparente di norme e concorso di reati)
- del capitolo 12 (Le circostanze aggravanti e attenuanti): le singole circostanze aggravanti ed attenuanti comuni, quindi dal paragrafo 8 al paragrafo 14. Anche in questo caso è implicita la conoscenza da parte dello studente della nozione e della disciplina delle circostanze, di cui ai paragrafi precedenti del presente capitolo.
- del capitolo 13 (Le pene: tipologia, commisurazione, esecuzione, estinzione): dal paragrafo 6 sino alla fine del capitolo. Anche in questo caso, lo studio dei paragrafi indicati la preparazione dei paragrafi indicati implica la conoscenza da parte dello studente dei paragrafi precedenti del capitolo, ossia la sistematica delle pene e le pene principali.
- del capitolo 14 (Le misure di sicurezza), la sezione B (relative alle singole misure di sicurezza personali), le sezioni C e D (relativa alla misure di sicurezza patrimoniali) e la sezione E (relativa alla prevenzione ante delictum). Si presuppone la conoscenza della sistematica delle misure di sicurezza (par. 1) e della disciplina generale delle misure di sicurezza personali (sezione A).

Diritto processuale civile (A-D) (14 cfu)

Programma per gli studenti che hanno già conseguito la laurea in Scienze dei servizi giuridici
Gli studenti, che hanno conseguito la laurea in Scienze dei servizi giuridici e hanno sostenuto l’esame di Istituzioni di diritto processuale civile da 6 Cfu, ai fini dell’integrazione dovranno sostenere l’esame con il seguente programma:
F. P. Luiso, Diritto processuale civile, vol. II, Milano, Giuffrè, ultima edizione, con esclusione dei Capitoli 1-2-3-4-5-10-20-32-33-34-35-36-37-38-39;
e C. Mandrioli – A. Carratta, Corso di diritto processuale civile, vol. III, Editio minor, Torino, Giappichelli, ultima edizione, comprensivo di tutti i Capitoli sopra indicati.

Filosofia del diritto (A-C/D-L/M-Q/R-Z) (9 cfu)

N. Bobbio, Diritto e potere, Torino, Giappichelli (tranne il cap. 4)

Istituzioni di diritto romano (A-D) (12 cfu)

L'integrazione prevede un approfondimento dei temi relativi alle strutture giuridiche dei vari gruppi familiari in Roma antica.
Gli studenti dovranno prepararsi sul seguente testo: G. Franciosi, La famiglia romana. Società e diritto, Torino, Giappichelli, ultima edizione (cap. VI, VII, VIII, X)

Integrazione di 6 crediti per gli studenti trasferiti dal corso di laurea in Scienze dei servizi giuridici, nuovo ordinamento riformato.

L'integrazione prevede un esame sulle seguenti parti di programma: diritto delle persone, diritto di famiglia (incluso il matrimonio), successioni e donazioni.
Per la preparazione si indica come testo: M. Marrone, Manuale di diritto privato romano, Torino, Giappichelli, 2004 (cap. IV, VII, VIII).
Contestualmente è richiesto un approfondimento dei temi relativi alle strutture giuridiche dei vari gruppi familiari in Roma antica.
A tal fine è necessario lo studio di: G. Franciosi, La famiglia romana. Società e diritto, Torino, Giappichelli, ultima edizione (cap. VI, VII, VIII, X).

Istituzioni di diritto romano (E-N) (12 cfu)

Integrazione di 3 crediti per gli studenti trasferiti dal corso di laurea in Scienze dei servizi giuridici di vecchio ordinamento (a esaurimento) o da altre università.
Gli studenti dovranno prepararsi sul seguente testo: L. Gagliardi, Studi sulla legittimazione alla “querela inofficiosi testamenti” in diritto romano e bizantino, Milano: Giuffrè, 2017, pagine da 1 a 60.

Integrazione di 6 crediti per gli studenti trasferiti dal corso di laurea in Scienze dei servizi giuridici di nuovo ordinamento riformato
Gli studenti dovranno studiare su un manuale universitario di Istituzioni di diritto romano le seguenti parti di programma: - diritto delle persone - diritto di famiglia, incluso il matrimonio - successioni e donazione
Si consiglia di preparare l’integrazione su uno dei seguenti manuali: M. Marrone, Manuale di diritto privato romano, Torino: Giappichelli, 2004 (capitoli: 4, 7, 8).
E. Cantarella, Diritto romano. Istituzioni e storia, Milano: Mondadori, 2010 (capitoli: 4, 5, 6, 11).
È possibile optare per un manuale diverso da quelli consigliati, concordandolo anticipatamente con il docente (scrivere una email a lorenzo.gagliardi@unimi.it).
E inoltre, gli studenti dovranno prepararsi sul seguente testo: L. Gagliardi, Studi sulla legittimazione alla “querela inofficiosi testamenti” in diritto romano e bizantino, Milano: Giuffrè, 2017, pagine da 1 a 60.

Istituzioni di diritto romano (O-Z) (12 cfu)

Per gli studenti provenienti dal corso di laurea in Scienze dei servizi giuridici di vecchio ordinamento (integrazione di 3 crediti):
- nello studio del libro Fargnoli-De Bernardi, Percorsi di diritto romano: tra personae, res e actiones, Giappichelli, Torino 2017.

Per gli studenti provenienti dal corso di laurea in Scienze dei servizi giuridici di nuovo ordinamento (integrazione di 6 crediti):
1) nello studio, sul volume di Istituzioni, delle parti: - diritto delle persone - diritto di famiglia - diritto successorio;
2) nello studio del libro Fargnoli-De Bernardi, Percorsi di diritto romano: tra personae, res e actiones, Giappichelli, Torino 2017. 

Storia del diritto medievale e moderno (A-C/D-L/M-Q/R-Z) (12 cfu)

Studenti interni alla Facoltà:
Per gli studenti che passano dal triennio al quinquennio e che hanno un debito superiore a 2cfu si richiede un'integrazione del programma di testo come di seguito specificato:
- per gli studenti immatricolati fino all'a.a. 2016/17:
A. Padoa Schioppa, Storia del diritto in Europa. Dal Medioevo all’età contemporanea, Il Mulino 2016, seconda edizione ampliata e corretta, pp. 411-587;
- per gli studenti immatricolati dall'a.a. 2017/18:
A. Padoa Schioppa, Storia del diritto in Europa. Dal Medioevo all’età contemporanea, Il Mulino 2016, seconda edizione ampliata e corretta, pp. 15-349 e pp. 359-415.

Studenti provenienti da altre Facoltà:
l'integrazione dovrà essere di volta in volta concordata con il docente a seconda del programma svolto presso la Facoltà di provenienza.