Cerca insegnamenti o docenti



Diritto canonico (of2) - 1

Stampa questa pagina

DANIELA MILANI , responsabile dell'insegnamento

Corso di laurea in GIURISPRUDENZA C.U. (CLASSE LMG/01) Immatricolati dall'a.a. 2014/2015 - Laurea Magistrale a ciclo unico - 2017/2018

Insegnamento obbligatorioNo
Anno di corso4
Periodo di svolgimentoprimo semestre
Settori scientifico disciplinari
  • IUS/11 - Diritto canonico e diritto ecclesiastico
Crediti (CFU) obbligatori6
Crediti (CFU) facoltativi3

Informazioni generali

Obiettivi: Anche le religioni impongono ai propri aderenti delle regole da osservare. Mai come oggi queste regole sono chiamate a confrontarsi con i diritti secolari di società multiculturali. Obiettivo del corso è illustrare gli elementi fondamentali del diritto della Chiesa cattolica evidenziando all'occorrenza affinità e differenze sia nei confronti di altri diritti religiosi sia degli ordinamenti civili. In questa prospettiva si analizzeranno principi fondativi, natura e finalità dei principali istituti del diritto della Chiesa cattolica. Speciale attenzione si presterà inoltre a temi di peculiare rilevanza sul piano dei rapporti fra Chiesa e società civile come il matrimonio, il celibato ecclesiastico, il divieto di ordinazione femminile, gli abusi del clero e la bioetica.

Risultati di apprendimento previsti:  Conoscenza e capacità di comprensione. Lo studente deve dimostrare di avere acquisito una conoscenza di base dei caratteri fondamentali dei diritti religiosi e dei principali istituti dell'ordinamento canonico, nonché dei rapporti fra diritti religiosi e diritti secolari. È richiesto un livello di cultura generale e di cultura giuridica sufficiente per comprendere le nozioni proprie del diritto canonico e per cogliere, in particolare, specificità e differenze dei diritti religiosi rispetto a quelli secolari.
 Capacità applicative. Lo studente deve dimostrare di saper applicare i concetti appresi ai casi posti dall'evoluzione della società in senso multiculturale e multireligioso, anche in chiave interdisciplinare.
 Autonomia di giudizio. Lo studente deve acquisire una consapevole autonomia di giudizio nell'analisi dei concetti trattati e nell'individuazione delle soluzioni preferibilmente applicabili ai singoli casi.
 Abilità nella comunicazione. Lo studente deve dimostrare di saper esprimere le nozioni acquisite con coerenza argomentativa, rigore sistematico e proprietà di linguaggio.
 Capacità di apprendere. Lo studente deve dimostrare di aver acquisito la capacità di adeguare le proprie conoscenze in relazione ai contesti studiati, agli istituti giuridici affrontati e al modo in cui questi si pongono in relazione con gli altri diritti vigenti, in particolare, quelli degli ordinamenti secolari.

Modalità di esame, prerequisiti, esami propedeutici

Esame in un'unica volta o suddiviso in partiunico
Modalità di accertamento conoscenze
Giudizio

Organizzazione della didattica

Settori e relativi crediti

  • Settore:IUS/11 - Diritto canonico e diritto ecclesiastico - Crediti:9
Attività didattiche previste

Lezioni: 63 ore

Diritto canonico

obbligatorio

Settori e relativi crediti

  • Settore:IUS/11 - Diritto canonico e diritto ecclesiastico - Crediti:6
Attività didattiche previste

Lezioni: 42 ore

Diritto canonico (integrazione)

facoltativo

Settori e relativi crediti

  • Settore:IUS/11 - Diritto canonico e diritto ecclesiastico - Crediti:3
Attività didattiche previste

Lezioni: 21 ore

Ricevimento Docenti

Orario di ricevimento Docenti
DocenteOrario di ricevimentoLuogo di ricevimento
DANIELA MILANI , responsabile dell'insegnamentoGiovedi 12.30Dipartimento Cesare Beccaria - Sezione di Diritto ecclesiastico e Canonico