Cerca insegnamenti o docenti



Diritto processuale penale (of2) - Cognomi O-Z

Stampa questa pagina

DANIELA VIGONI , responsabile dell'insegnamento

Corso di laurea in GIURISPRUDENZA C.U. (CLASSE LMG/01) Immatricolati dall'a.a. 2014/2015 - Laurea Magistrale a ciclo unico - 2017/2018

Insegnamento obbligatorio
Anno di corso3
Periodo di svolgimentoanno
Settori scientifico disciplinari
  • IUS/16 - Diritto processuale penale
Crediti (CFU) obbligatori14
Crediti (CFU) facoltativi-

Programma di studio

Programma Modulo 1:

Il corso si propone di affrontare, nelle linee istituzionali, l’attuale assetto del procedimento penale, quale risulta dalla disciplina codicistica, nella dimensione statica relativa ai soggetti, agli atti e alle prove, nelle diverse articolazioni in fasi e gradi, e in materia di libertà personale.
Particolare attenzione sarà dedicata al profilo dinamico, e perciò: alla sequenza del procedimento ordinario (indagini preliminari, udienza preliminare, giudizio); alle varianti proposte dai riti alternativi (giudizio abbreviato, applicazione della pena su richiesta delle parti, giudizio direttissimo, giudizio immediato, decreto penale di condanna, messa alla prova); ai giudizi d’impugnazione ordinari (appello, ricorso per cassazione) e straordinari (revisione, ricordo straordinario per cassazione, rescissione del giudicato); al giudicato e ai suoi effetti.

Obiettivi del corso e risultati di apprendimento attesi
- conoscenza del sistema processuale disegnato dal c.p.p. del 1988 e capacità di comprensione dei problemi di tutela dei diritti e delle libertà posti dalla celebrazione del procedimento penale;
- capacità di applicazione ai casi concreti delle norme processuali del c.p.p. del 1988;
- capacità di giudizio critico, in autonomia da pregresse interpretazioni dottrinali e giurisprudenziali;
- abilità comunicative sul piano del ragionamento giuridico, anche in vista della soluzione di problemi concreti;
- capacità di apprendere un metodo di interpretazione delle norme del c.p.p. e delle leggi collegate, alla luce del sistema processuale e delle garanzie costituzionali e sovranazionali coinvolte.

Bibliografia e altri materiali didattici Modulo 1:

Al fine della preparazione dell’esame il testo consigliato è: AA.VV., Procedura penale, 5ª ed., Torino, Giappichelli, 2017.

Sono comprese nel programma per l’esame le parti relative a: Soggetti – Atti – Prove – Misure cautelari – Indagini preliminari – Udienza preliminare – Procedimenti speciali – Giudizio ordinario – Procedimento davanti al tribunale in composizione monocratica – Procedimento davanti al giudice di pace – Impugnazioni (ordinarie e straordinarie) – Giudicato – Ricorso alla Corte europea dei diritti dell’uomo – Procedimento di prevenzione.

Sono invece escluse dal programma per l’esame le parti relative al procedimento per accertare la responsabilità degli enti, al procedimento minorile, all’esecuzione penale, ai rapporti con le autorità straniere.

È indispensabile l’utilizzo di un codice di procedura penale aggiornato.

Modalità di esame, prerequisiti, esami propedeutici

Esame in un'unica volta o suddiviso in partiunico
Modalità di accertamento conoscenzeEsame
Giudiziovoto verbalizzato in trentesimi

Prerequisiti e modalità di esame L’esame consiste in una prova orale.

Organizzazione della didattica

Settori e relativi crediti

  • Settore:IUS/16 - Diritto processuale penale - Crediti:14
Attività didattiche previste

Lezioni: 98 ore

Modulo 1

obbligatorio

Settori e relativi crediti

  • Settore:IUS/16 - Diritto processuale penale - Crediti:8
Attività didattiche previste

Lezioni: 56 ore

Modulo 2

obbligatorio

Settori e relativi crediti

  • Settore:IUS/16 - Diritto processuale penale - Crediti:6
Attività didattiche previste

Lezioni: 42 ore

Ricevimento Docenti

Orario di ricevimento Docenti
DocenteOrario di ricevimentoLuogo di ricevimento
DANIELA VIGONI , responsabile dell'insegnamentoGiovedì, ore 15.Sezione di scienze penalistiche

Avvertenze e altre informazioni

Il corso sarà integrato da seminari, secondo temi e modalità che verranno indicati all’inizio delle lezioni. La frequenza e la partecipazione ai seminari potranno dar luogo all’attribuzione di crediti.

Non è ammesso il cambio cattedra.