Cerca insegnamenti o docenti



Diritto e procedura penale in azione - programma

Stampa questa pagina

MANFREDI BONTEMPELLI , responsabile dell'insegnamento

Corso di laurea in SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (Classe L-14) Immatricolati dall'a.a.2009/2010 - Laurea - 2016/2017

Insegnamento obbligatorioNo
Anno di corso
Periodo di svolgimentoanno
Settori scientifico disciplinari
  • IUS/16 - Diritto processuale penale
  • IUS/17 - Diritto penale
Crediti (CFU) obbligatori6
Crediti (CFU) facoltativi-

Programma di studio

Programma II modulo: "Elaborazione di un ricorso in materia penale davanti a una giurisdizione sovranazionale":

Il modulo fa parte del corso di Diritto e procedura penale ‘in azione’, che è anche costituito dal 1° modulo intitolato “I pareri nella pratica penale: ricerca e stesura” (primo semestre del quarto anno) e dal 3° modulo intitolato “Regole e tecniche di redazione degli atti nel processo penale” (primo semestre del quinto anno, attivo dall’ottobre 2017).

L’obiettivo del modulo è di fornire gli strumenti basilari per redigere ricorsi in materia penale a livello sovranazionale. Più precisamente, il modulo ha lo scopo di portare gli studenti a familiarizzare con i diversi strumenti di tutela a livello sovranazionale in una duplice prospettiva: sia nell’ottica di vittime di reato, sia di persone condannate che lamentino violazioni delle garanzie nel processo penale.

Sebbene il settore della giustizia penale sia precipuamente afferente all’ordinamento interno, in quanto strettamente connesso alla sovranità dello Stato, si assiste negli ultimi anni ad un processo di crescente “internazionalizzazione” del settore stesso. Da un lato, sono sempre più gli strumenti di diritto internazionale ed europeo aventi un impatto sull’ordinamento penale interno, ivi comprese la Convenzione europea dei diritti dell’uomo (CEDU) e la correlata giurisprudenza della Corte di Strasburgo, nonché le fonti di diritto UE e le pronunce della Corte di Giustizia UE. Dall’altro, a partire dalla fine del secolo scorso, il diritto penale internazionale – avente ad oggetto crimini di diritto internazionale, quali i crimini di guerra o i crimini contro l’umanità – ha conosciuto un’enorme espansione grazie all’istituzione di vari Tribunali penali internazionali ed in particolare della Corte penale internazionale.

Gli studenti saranno guidati nell’analisi di casi pratici, vestiti i panni di difensori di vittime di gravi crimini che non abbiano ricevuto giustizia a livello interno, ovvero di soggetti sottoposti a procedimento penale le cui garanzie siano state violate. Gli studenti si eserciteranno, sia collettivamente sia in modo individuale, nella redazione di atti davanti a giurisdizioni sovranazionali come, ad esempio, un ricorso individuale davanti alla Corte EDU per violazione degli articoli 2, 3 o 6 della Convenzione, o una denuncia alla Corte penale internazionale avente ad oggetto, ad esempio, la tortura quale crimine contro l’umanità o omicidi indiscriminati quali crimini di guerra.

Posto che i vari rimedi attivabili hanno diversa natura, presupposti e finalità, il modulo in questione si concentrerà in particolare sugli aspetti sostanziali degli atti in questione, piuttosto che su quelli procedurali.

La frequenza del corso è obbligatoria ed è previsto un numero limitato di partecipanti al corso. È inoltre necessaria la preventiva iscrizione dello studente interessato.

Modalità di svolgimento dell’esame
È previsto un esame al termine del modulo. Il voto finale del modulo terrà conto delle varie attività e prove svolte in aula. L’attribuzione del voto finale del corso, dato dalla media dei voti riportati negli esami finali di ogni modulo, presuppone il positivo superamento delle tre prove.

Possono partecipare al modulo gli studenti che abbiano superato gli esami di Diritto penale e Diritto internazionale. Si consiglia inoltre il superamento degli esami di Diritto dell’Unione europea, Giustizia costituzionale sovranazionale e International Criminal Law.

Data la necessità di consultare fonti in lingua straniera si richiede una buona conoscenza dell’inglese o del francese.

Per le ulteriori informazioni pratiche si rinvia alla pagina Ariel del corso.

Programma I modulo: "I pareri nella pratica penale: ricerca e stesura":

Il modulo fa parte del corso di Diritto e procedura penale ‘in azione’, che è anche costituito dal 2° modulo intitolato “Elaborazione di un ricorso in materia penale davanti a una giurisdizione sovranazionale” e dal 3° modulo intitolato “Regole e tecniche di redazione degli atti nel processo penale”. Il presente modulo si svolge nel primo semestre del quarto anno (è attivo a partire dall’a.a. 2016-2017, quindi dall’ottobre 2016). Il 2° modulo si svolge nel secondo semestre del quarto anno (a.a. 2016-2017), mentre il 3° modulo nel primo semestre del quinto anno (sarà attivo dall’a.a. 2017-2018, quindi dall’ottobre 2017).
L’obiettivo del modulo è di fornire agli studenti gli strumenti basilari per redigere pareri scritti di diritto penale, aventi ad oggetto la soluzione ragionata di casi concreti tratti dalla giurisprudenza e/o elaborati per finalità didattica. Il metodo di insegnamento è basato su esercitazioni pratiche, collettive e individuali, finalizzate a sviluppare le capacità necessarie per la stesura del parere penale, quali in particolare l’analisi di un caso concreto e l’individuazione dei problemi giuridici rilevanti; la ricerca giurisprudenziale e dottrinale; l’interpretazione e l’applicazione delle norme giuridiche al caso concreto; la stesura vera e propria dell’elaborato.
Gli studenti saranno guidati nella redazione dei pareri relativi ai casi pratici selezionati, che verranno corretti sia in forma collettiva che individuale. La frequenza del corso è obbligatoria ed è previsto un numero limitato di partecipanti al corso. È inoltre necessaria la preventiva iscrizione dello studente interessato.

Modalità di svolgimento dell’esame
È previsto un esame scritto al termine del modulo. Il voto finale del modulo terrà conto anche delle esercitazioni svolte in aula. L’attribuzione del voto finale del corso, dato dalla media dei voti finali di ogni modulo, presuppone una valutazione positiva nei tre moduli.

Possono partecipare al modulo gli studenti che abbiano superato l’esame di Diritto penale.

Per le ulteriori informazioni pratiche si rinvia alla pagina Ariel del corso.

Modalità di esame, prerequisiti, esami propedeutici

Esame in un'unica volta o suddiviso in partiunico
Modalità di accertamento conoscenze
Giudizio

Organizzazione della didattica

III modulo: "Regole e tecniche di redazione degli atti nel processo penale" attivo dall'a.a. 2017-2018

obbligatorio

Settori e relativi crediti

  • Settore:IUS/16 - Diritto processuale penale
  • Settore:IUS/17 - Diritto penale

  • Crediti:2
Attività didattiche previste

Lezioni: 14 ore

Docenti

II modulo: "Elaborazione di un ricorso in materia penale davanti a una giurisdizione sovranazionale"

obbligatorio

ObiettiviL'obiettivo del modulo è di fornire gli strumenti basilari per redigere ricorsi in materia penale a livello sovranazionale. Più precisamente, il modulo ha lo scopo di portare gli studenti a familiarizzare con i diversi strumenti di tutela a livello sovranazionale in una duplice prospettiva: sia nell'ottica di vittime di reato, sia di persone condannate che lamentino violazioni delle garanzie nel processo penale.

Settori e relativi crediti

  • Settore:IUS/16 - Diritto processuale penale
  • Settore:IUS/17 - Diritto penale

  • Crediti:2
Attività didattiche previste

Lezioni: 14 ore

I modulo: "I pareri nella pratica penale: ricerca e stesura"

obbligatorio

ObiettiviL'obiettivo del modulo è di fornire agli studenti gli strumenti basilari per redigere pareri scritti di diritto penale, aventi ad oggetto la soluzione ragionata di casi concreti tratti dalla giurisprudenza e/o elaborati per finalità didattica. Il metodo di insegnamento è basato su esercitazioni pratiche, collettive e individuali, finalizzate a sviluppare le capacità necessarie per la stesura del parere penale, quali in particolare l'analisi di un caso concreto e l'individuazione dei problemi giuridici rilevanti; la ricerca giurisprudenziale e dottrinale; l'interpretazione e l'applicazione delle norme giuridiche al caso concreto; la stesura vera e propria dell'elaborato.

Settori e relativi crediti

  • Settore:IUS/16 - Diritto processuale penale
  • Settore:IUS/17 - Diritto penale

  • Crediti:2
Attività didattiche previste

Lezioni: 14 ore

Ricevimento Docenti

Orario di ricevimento Docenti
DocenteOrario di ricevimentoLuogo di ricevimento
MANFREDI BONTEMPELLI , responsabile dell'insegnamentolunedì (h 16.00)Dipartimento Cesare Beccaria - Sezione Scienze penalistiche
CHANTAL MELONIsu appuntamento (chantal.meloni@unimi.it)
STEFANO ZIRULIAMercoledì ore 14:30 (su appuntamento)Dipartimento Cesare Beccaria, Sezione di scienze penalistiche (stanza dei ricercatori)